Stati generali delle donne: presentato il “patto” che cambierà il futuro

immagine-2

Lo scorso 16 novembre la Presidente della Camera Laura Boldrini ha comunicato ufficialmente l’accettazione di una votazione fuori dalla quota riservata ai gruppi, i 12 emendamenti al ddl Bilancio 2017 presentati dall’Intergruppo per le donne, i diritti e le pari opportunità. Questo riconoscimento assume grande importanza per la valorizzazione del costante lavoro delle donne deputate e della rappresentanza dell’Imprenditoria e del Sindacato, che hanno partecipato nei giorni scorsi al seminario svoltosi a Montecitorio sul tema “Le donne condizione della crescita”.

La Presidente Boldrini ritiene possa essere un valido punto di partenza per tradurre in decisioni d’Aula le numerose proposte presentate dall’Intergruppo.

Nel maggio scorso è stato consegnato al Governo dagli Stati Generali il Patto per le Donne, contenente proposte di azioni concrete sui vari territori, frutto di un lavoro di raccolta itinerante di criticità da superare col supporto di tutte le donne politiche, imprenditrici, lavoratrici autonome e professioniste, attraverso un’azione coordinata, finalizzata alla creazione di nuove opportunità di lavoro e la nascita di nuove imprese, nel rispetto delle disposizioni comunitarie e nazionali,nel più ampio raggio di un percorso già avviato che culminerà con Matera 2019.

Ricordiamo che gli Stati Generali si sono costituiti tre anni fa e sono diventati interlocutori con le istituzioni che si occupano di economia, finanza, politiche del lavoro, cultura, sviluppo, diritti, formazione e scuola.

Per approfondimenti: www.statigeneralidelledonne.com

Follow by Email
Facebook
Twitter